Toscana da gustare: appuntamento con lo Streetfood Village di Arezzo

arezzo

Se vi trovate in Toscana, vi consiglio di fare una tappa golosa allo “Streetfood Village” di Arezzo,  la festa del cibo di strada che per il settimo anno anima la città toscana.

Dal 16 al 18 settembre, al Prato di Arezzo, saranno presenti oltre cinquanta cibi di strada provenienti non solo da tutta Italia, ma anche dal mondo. Musica, spettacoli ed eventi culturali animeranno la kermesse  con  piacevoli intrattenimenti.  Nella tre giorni di Arezzo si potranno degustare sapori unici dell’unico cibo di strada certificato in Italia.

Tra i prodotti in degustazione dovrete partire  rigorosamente da quelli tipici aretini,  promossi in questi anni dall’Associazione,  come i tortelli e le spianate casentinesi. Poi il giro d’Italia del cibo di strada proseguirà con le piade della Romagna, le bombette e la puccia pugliesi, gli arancini e il pane ca’ meusa siciliani. Dal nord la Farinata piemontese. Dalle Marche i fritti misti, con le olive in testa e il pesce di San Benedetto del Tronto (Ap), poi ancora gli arrosticini dall’Abruzzo senza dimenticare la parte internazionale: novità di questa edizione la cucina britannica con le mitiche Jack Potatoes e l’America con la carne cotta a bassa temperatura in stile Barbecue (BBQ) e il grande ritorno del dolce rumeno-ungherese Il Kurtos Kalacs. Il tutto sarà  accompagnato dalla Birra ufficiale, quella col marchio Streetfood.

hamburger_chianina3_ok

La rassegna prenderà il via   venerdì 16   alle ore 17 con l’apertura degli operatori e dalle 21 sul palco centrale si esibiranno gli Umagroso. Il sabato riprenderà  con l’apertura degli stand dalle 11. Alle 15.30 potrete assistere ad una storica sfida: “Griglia VS Barbeque, due stili di cottura a confronto”. Alle 17.30 il momento per i più piccoli con “Le Fiabe Animate” in collaborazione con Ferrara in Fiaba e dalle 21 i concerti selezionati dal Mengo Music Fest. La domenica sarà ancora il giorno della famiglia e dei bambini a partire dalle ore 11 con il panino di Campagna Amica e un programma di educazione alimentare per i più piccoli grazie alla collaborazione con Lilt Arezzo, Banda dei Piccoli chef e Coldiretti. Alle 21 musica live con la Ballantine Band e String Food Project.

 Alla scoperta del centro storico.In programma anche  l’appuntamento culturale,  promosso da Streetfood,  per conoscere il centro storico. Le visite guidate organizzate dalla guida turistica aretina Silvia Ruberto, responsabile del settore turismo dell’Associazione aretina Streetfood,  sono previste nei giorni sabato 17 e domenica 18 settembre con partenza dal punto informazioni di Streetfood al Prato (furgoncino Birra Artigianale) alle ore 15 e alle 17 e la domenica anche alle 10 (Per chi volesse prenotarsi o ricevere maggiori  info:328 1198704).

Di seguito il programma e la piantina:

programma_arezzo

 

I mille chilometri del Gran Premio Nuvolari

Venerdì 16 settembre alle 11.00 da Piazza Sordello a Mantova, la bandiera Tricolore calerà sulla prima vettura dando il via alla 26^ edizione del Gran Premio Nuvolari, manifestazione di regolarità per auto di interesse storico, che si svolgerà secondo le normative F.I.A., F.I.V.A. e A.C.I.

nuvolari4

Sport. Il Gran Premio Nuvolari  è organizzato da Mantova Corse in collaborazione con Automobile Club Mantova e Museo Tazio Nuvolari. Sarà un’autentica sfida tra i migliori driver del mondo alla guida delle auto più prestigiose e cariche di storia: un confronto sul filo dei centesimi di secondo che dopo 1.050 chilometri, 90 prove cronometrate e 5 prove di media decreterà il vincitore di uno dei più prestigiosi eventi per auto storiche di questo finale di stagione 2016.

nuvolari3
310 vetture iscritte, cinquanta i marchi delle case automobilistiche presenti al via: dalle italiane Fiat, Lancia, Alfa Romeo, OM e Ferrari alle inglesi Triumph, Jaguar, Aston Martin e Bentley; dalle statunitensi Ford, Buick e Chrisler alle tedesche Auto Union, DKW, Mercedes, BMW, Porsche fino alle pursang francesi firmate Ettore Bugatti. In pratica l’eccellenza della produzione mondiale dell’automobile. Un’autentica macchina del tempo che farà sfilare auto (per regolamento prodotte dal 1919 al ’69) come la Bentley Le Mans Tourer 3.0 del 1923, fino alla ben più recente Alfa Romeo Duetto Spyder del 1969. Di primissimo valore anche il livello dei gentlemen-drivers a partire dalla coppia Andrea Vesco-Andea Guerini vincitori con l’inseparabile Fiat 508 S Balilla Sport delle ultime quattro edizioni del G P Nuvolari.

Le  origini del Gran Premio Nuvolari
Fu tale l’emozione a seguito della scomparsa di Tazio Nuvolari, avvenuta a Mantova l’11 agosto 1953, che gli organizzatori della Mille Miglia decisero l’anno successivo di rendere omaggio al pilota dell’impossibile, disegnando nella parte finale della corsa bresciana, un “circuito” lungo le strade che collegavano Cremona a Mantova e infine Brescia. Chi avrebbe corso più velocemente quel tratto, in alcuni punti si sfioravano i 300 chilometri orari, avrebbe vinto il Gran Premio Nuvolari. E fu subito leggenda: il primo vincitore fu l’immenso Alberto Ascari su Lancia, mentre nel ’55 giunse la vittoria di Stirling Moss su Mercedes. L’anno seguente, esattamente 60 anni fa, l’incredibile vittoria della Ferrari di Eugenio Castellotti sotto un diluvio torrenziale, mentre nel 1957 si tenne l’ultima edizione vinta dallo “scoiattolo delle Ardenne” Olivier Gendebien su Ferrari 250GT che percorse il tratto Cemona-Mantova-Brescia in 39’43” alla media di 199 chilometri orari: un record rimasto imbattuto.
nuvolari2
Il percorso 
Prima tappa – Venerdì 16 settembre, da Mantova a Forte dei Marmi.
Alle ore 11:00, da Piazza Sordello a Viale Te per disputare le ormai classiche prove cittadine, poi all’Autodromo di San Martino del Lago e al “Riccardo Paletti” di Varano prima di affrontare i tornanti del Passo della Cisa. Transito da Carrara ed in serata, a Forte dei Marmi, il beach party a “La Capannina di Franceschi”.
Seconda tappa – Sabato 17, da Forte dei Marmi a Rimini.
Il G.P Nuvolari transiterà per le antiche mura di Lucca, Piazza dei Miracoli a Pisa, Piazza del Campo a Siena, Arezzo, Città di Castello, Urbino e infine Rimini. Al “Grand Hotel”, la serata ufficiale in onore di Tazio Nuvolari.
Terza e ultima tappa – Domenica 18, da Rimini al traguardo di Mantova.
Dopo i passaggi a Meldola, Cesena e Forlì le auto giungeranno all’Autodromo Internazionale “Enzo e Dino Ferrari” di Imola e una volta a Ferrara affronteranno il “Circuito Ariosteo”. La bandiera a scacchi calerà alle 13.30 con l’arrivo della prima vettura sul traguardo di Piazza Sordello dopo 1.050 km, 90 prove cronometrate e 5 prove di media.
nuvolari