Cantine Aperte in Toscana tra eventi, arte, Sigaro Toscano e Vespe

Movimento Turismo Vino ToscanaDal  28 al 29 maggio appuntamento con Cantine Aperte, uno dei più amati eventi enoturistici dedicato a tutti gli appassionati di vino. Durante il fine settimana oltre 80 cantine del Movimento Turismo del Vino della Toscana apriranno le loro porte a tutti i “winelovers”. Un fine settimana di appuntamenti all’insegna dell’enoturismo che quest’anno in Toscana si caratterizza grazie al binomio Vespa e Sigaro Toscano. Tanti gli appuntamenti in programma tra le Cantine di tutta la Toscana. Di seguito ve ne segnalerò alcuni. Prendete nota, accendete le vostre vespe e via, alla scoperta dei territori del vino!

Per chi volesse fare un salto nell’aretino, Camperchi accoglierà gli appassionati con il gelato di Palmiro Bruschi che per l’occasione ha realizzato un gusto particolare al sigaro toscano. Il Borro ospiterà nel borgo le Vespe, mentre per le giornate sono organizzate anche gite a cavallo.

L’ Agricola Tamburini, a Gambassi Terme proporrà degustazioni  di sigari toscani in abbinamento alle ultime annate in commercio. Visite guidate nella spettacolare cantina di Antinori, a San Casciano Val di Pesa, mentre  al Podere dell’Uliveto si spiegherà  come nasce un grande vino e sempre nel comune a Terre di Perseto la mostra Mostra di pittura di Lara Francini e Rebecca Serchi “DivinArt”.

IMG_5695

Alla Fattoria di Fubbiano  a Capannori (Lu) un ricco buffet di vini e delicatezze, per una giornata di assaggi enogastronomici all’aria aperta. A Montecarlo di Lucca, presso la Tenuta del Buonamico, si potranno degustare vini e oli e fare visite in cantina.

Tagli gli appuntamenti previsti nella provincia di Pisa. A  San Miniato, Agrisole proporrà una camminata nei vigneti con degustazione, Cosimo Maria Masini ospiterà Paolo Parisi con  pasta vegetariana e carni grigliate, poi ancora un angolo dei formaggi, formaggi di capra e di pecora, una Mostra fotografica: “Viaggiare per conoscere. Sguardi sul mondo nelle foto di Lucia Zullo” e infine musica e canti della tradizione toscana. Sempre in questa zona Pietro Beconcini accompagnerà i suoi vini di punta con lo streetfood dello Chef Ivan. Degustazioni nella Tenuta di Montalto mentre nella splendida cornice di Varramista, a Pontedera, l’apertura eccezionale della villa Piaggio e dei giardini.

Saranno ben trentatre le cantine della provincia di Siena ad aprire le porte ai visitatori nelle giornate di sabato 28 e domenica 28 maggio. Nel Chianti Classico. Badia a Coltibuono apre le porte della tenuta e dei giardini all’italiana. Degustazioni nella tenuta del Barone Ricasoli, Cantalici – L’Antica fornace di Ridolfo, al Castellare di Castellina, al Castello d’Albola, al Castello di Fonterutoli – Marchesi Mazzei, al Castello di Radda. Pranzo della domenica a Felsina, degustazioni da Melini, Rocca delle Macie, alla Tenuta di Lilliano. Al Casato Prime Donne degustazione enomusicale con 4 vini assaggiati in parti diverse della cantina insieme ai brani scelti dal sommelier musicista Igor Vazzaz. Piccoli assaggi di cibi tipici. Al Castello Banfi visita dell’enoteca del Castello e delle cantine. A Montepulciano, degustazioni tutta la giornata in  diverse Cantine. E per chi volesse approfittare   Vintage Tours e la Strada del Nobile propongono  gite in vespa nei vigneti della prima Docg italiana.

Illustrazione Mtv Toscana Social light

Passeggiate tra i filari a Colle di Val d’Elsa presso il Borgo Santinovo, distillati e grappa presso le Distillerie Bonollo di Torrita di Siena, mentre l’Enoteca Emporio Mediterraneo di Siena propone alcune degustazioni dei grandi vini di tutto il territorio e non solo.

Per scoprire le aziende aderenti a Cantine Aperte e i relativi programmi è possibile consultare la pagina  dedicata all’evento su www.mtvtoscana.com.

 

Tartufo, Zafferano, Pasta, Formaggio, Vino, Uova e… Benessere Termale: ogni Giovedì, dal produttore allo chef solo per Voi!

ImagePaté di coniglio allo zafferano,  uovo assoluto con maggiorana e tartufo per poi passare ad una squisita pappa al pomodoro ed un bellissimo piatto di  pasta con le alici allo  zafferano e tartufo e ancora…   spolpato di capra con zafferano, poi  formaggio G e tricotta con confetture di rabarbaro, pere abate allo zafferano e zenzero… per  concludere con spuma all’uovo con granita all’arancia… vino bianco, vino rosso,  vin santo delle strade del vino della Provincia di Pisa…  e scusate se vi sembra poco…

E’ stata così inaugurata la prima  serata  organizzata dall’Associazione  Terre d’Eccellenza; un tripudio di sapori, un’insieme di colori una location perfetta… ma veniamo a loro, le star, i vip della serata o meglio… i PRODOTTI ENOGASTRONOMICI di Terre d’Eccellenza che meritano una medaglia al valore.

Ve li presenterò ad uno ad uno facendovi sicuramente venire un desiderio irrefrenabile di mangiarli:

TARTUFI di Savini Tartufi, lo ZAFFERANO di Croco & Smilace, la PASTA del Pastificio Caponi, le UOVA di Paolo Parisi, i FORMAGGI dell’Azienda Agricola Lischeto, i VINI della Badia di Morrona… sapientemente, gustosamente e succosamente  orchestrati  dal maestro, nonchè Grande Chef, Paolo Parisi…per poi rilassarsi nelle tiepide ACQUE TERMALI  delle Terme di Casciana  e Terme Villa Borri

Vi posso solo dire… provare per credere e… a buon intenditore poche parole!

Per chi volesse deliziarsi, ogni Giovedì presso Savni Tartufi “Cena con i prodotti delle Terre d’Eccellenza” – per info e prenotazioni: 0587/628037

Benessere e gusto in Valdera; al via gli appuntamenti con l’eccellenza enogastronomica

 La Strada del Vino delle Colline Pisane come chiave di accesso ad un territorio (quello della Valdera e della provincia di Pisa) e come soggetto capace di aggregare attorno a se tanti e diversi protagonisti dell’offerta turistica.E’ questo il punto di forza di un progetto di marketing territoriale chiamato “La Strada del Vino delle Colline pisane va…..” – coordinato dall’Assessorato al Turismo della Provincia di Pisa – che prenderà il via da metà aprile e che si candida ad essere laboratorio per altre iniziative analoghe.

Il progetto presenta al turista, italiano e straniero, cinque opportunità di visita e di esperienza, strettamente legate fra loro, con un pizzico di imprevedibilità per rendere più intrigante l’intero menu.

La Strada del Vino va… in Vespa valorizza il Museo Piaggio di Pontedera come luogo della Vespa – simbolo internazionale del made in Italy – ed offre alle migliaia di persone che lo visitano ogni anno la possibilità di guardarsi attorno e conoscere il territorio della Caldera.

La Strada del Vino va… alle Terme promuove la nuova offerta turistica di Casciana Terme, denominata “900 anni di benessere”, che cerca di coniugare in maniera originale il piacere delle terme e dei trattamenti, al piacere della natura, dell’enogastronomia e dello sport.

La Strada del Vino va… in cantina permette di rendere permanente – 365 giorni all’anno – l’offerta di Terricciola come Città del Vino , non solo in occasione delle sue feste ormai conosciute (Notte bianca, Calici di stelle, Festa dell’uva e del vino), ma aprendo ogni giorno, secondo un calendario concordato, le porte di almeno una delle aziende vinicole del territorio.

La Strada del Vino va… a cena è una iniziativa dell’Associazione Terre d’ Eccellenza (appuntamento ogni giovedì sera nella sala degustazione di Savini Tartufi) per dare alle aziende più rappresentative del territorio non un semplice momento di visibilità, ma il ruolo di testimonial – i migliori possibili – del territorio in cui lavorano.

La Strada del Vino va… al Museo è infine il punto di contatto con la città di Pisa, con una degustazione (ogni domenica mattina, alle ore 11) abbinata all’illustrazione di un’opera d’arte della straordinaria collezione del Museo nazionale di San Matteo.”

Il progetto prenderà il via il prossimo 12 Aprile  con una “serata evento” di degustazione,  a base di prodotti tipici locali e vino delle cantine delle “Strade del Vino”,  legata al grande chef Paolo Parisi, membro dell’Associazione Terre d’Eccellenza.

Per info e prenotazioni:

0587/628037 https://terredeccellenza.wordpress.com/

e-mail:  terredeccellenza@gmail.com.

Casa Parisi “Aggiungi un posto a tavola … et voila’ “

  L’idea è quella di mettere a tavola un gruppo di amici che condividono la passione per la  cucina d’autore  ed il bere eccellente ma io vorrei aggiungere altro … quello che mi colpisce tutte le volte che sono lì a Casa Parisi,  come umile ospite,  è la magica atmosfera  che si respira in cucina… Si perché sono sicuramente del tutto rapita dai buonissimi   profumi del cibo cucinato ma anche dai gesti, dalle occhiate, dalla complicità di chi è il  creatore o la creatrice di così tanta perfezione olfattiva… Paolo e Manuela,  un tandem di complicità fatta di simbiosi, sguardi, incastri, complementarietà… pochissime parole, giusto quelle strettamente necessarie,  e questo è tutto… Ma non solo Manuela e Paolo anche Filippo, Rocco, Priscilla e tutta quanta la splendida famiglia, armoniosa come un’incantevole orchestra…

Ma torniamo al divino cibo … come direbbe la carissima Ornella Vanoni in una sua famosa canzone “Ci vuol passione, molta pazienza …e un filo di incoscienza… ci vuole farina del proprio sacco…si fa così… si cuoce a fuoco lento mescolando con sentimento” Ed è quello che tutte le volte succede…ricette di sentimento, creatività, passione… alchimia…  vi assicuro infatti che una farinata non è una qualsiasi farinata…  è  poesia… e  per non parlare del tramezzino, un insieme di strati di sapori così melodiosi… Non una semplice farinata ma una farinata cotta  nel myoven e poi servita con scaglie di tartufo della famiglia Savini . Un tartufo nero pregiato detto TUBER MELANOSPORUM. E’ il più pregiato nella famiglia dei Tartufi Neri…La produzione in Toscana non è molto radicata anche per la scarsa cultura nel saperlo apprezzare ma anche perchè le zone di produzione sono limitate. Nel nostro territorio la Famiglia Savini ha  la fortuna di trovarlo in una zona molto particolare, spesso fredda in inverno …  la campagna compresa fra Volterra e S.Gimignano. Una farinata stellata! E del  tramezzino… che dire… chiamarlo semplicemente tramezzino non gli rende giustizia…  questa bontà si compone di uno strato di pane tramezzino imbevuto di una salsa composta da : yogurt greco, pomodoro frullato, un estratto con una centrifuga particolare di prosciutto cotto,  fagioli e gallina; si va ad aggiungere uno strato di pane tramezzino imbevuto con : estratto di tonno con centrifuga emulsionato successivamente con olio extra di oliva. Tra  i due strati una distesa di spinaci leggermente passati in padella dentro al myovene una frittatina, l’altro strato con spinacini crudi , il tutto ricoperto con uno strato di pane da tramezzino. Vi sembra un tramezzino  qualsiasi? Semplicemente  esilarante… a questo punto non ci resta che aggiungere un posto a tavola e sederci tutti  insieme per proseguire  con altre delizie per il  palato…”si fa così…per cominciare il gioco e ci si mastica poco a poco…si fa così è tutto apparecchiato per il cuore e per il palato …sarà bello bellissimo travolgente lasciarsi vivere totalmente dolce dolcissimo e sconveniente coi bei peccati succede sempre” eh si,  la nostra Ornella Vanoni  ha proprio ragione …

Grazie Paolo, grazie Manuela… alla prossima puntata!